Dossier
Dossier
logo image
24/04/2013
GIUSEPPE RAGNETTI E L'OPINIONE PUBBLICA

Il professor Giuseppe Ragnetti ha gentilmente rilasciato un'intervista a Francesco Bergamo, direttore responsabile dell’Agenzia Informatore Economico-Sociale.

 Giuseppe Ragnetti, ascoltatore parlante. Professore di Psicologia Sociale. Specializzato nelle discipline dell'Informazione e della Comunicazione. Ha raccolto l'eredità culturale e continua l'opera del suo maestro Francesco Fattorello, approfondendo lo studio della originale “Teoria della Tecnica Sociale dell'Informazione” che insegna nei contesti più diversi favorendone la conoscenza e la fruizione a tutti i livelli. Dirige l'Istituto “Francesco Fattorello” in Roma, dando continuità scientifica e didattica alla prima Scuola italiana del settore, fondata nel 1947. E' membro istituzionale di IAMCR-AIERI, organismo internazionale dell'UNESCO, fondato a Parigi nel 1957, con il compito di coordinare studi e ricerche sulla comunicazione in tutto il mondo. Docente alla Scuola Superiore dell'Amministrazione dell'Interno (SSAI) – Roma. Già docente al Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione e al Corso di Laurea specialistica in Editoria Media e Giornalismo dell'Università degli Studi “Carlo Bo” - Urbino.

 Professore, lo scopo di questa intervista è quello di dare agli studiosi della pubblica opinione la possibilità di studiare la materia da una diversa visuale. Le farò otto domande.

Nel corso della sua vita privata e professionale si è mai posto la domanda da che cosa sia regolata l'opinione pubblica?

«Mi sono posto la domanda e mi sono dato la seguente risposta: l'uomo è animale sociale e, come tale, ha un bisogno fisiologico di un continuo confronto su tutto ciò che, in qualche modo, lo riguarda. E arriva al punto di opinare su tutto, purchè attraverso l'informazione e i suoi mille strumenti di diffusione (ivi compresi anche i rapporti interpersonali) sia venuto a contatto con il problema opinabile. Si tratta di un innato e naturale meccanismo mentale, al pari del respirare e del parlare.

Potremmo azzardare l'ipotesi che a regolare l'opinione pubblica sia soprattutto ciò che ci ha reso gli animali sociali che ora siamo, con le mille sfumature e diversità che ci caratterizzano e ci identificano. In sintesi, penso che sia la vita a regolare l'opinione pubblica prima a livello individuale e poi a livello dei gruppi sociali di dimensioni sempre maggiori fino ad arrivare al “comune sentire” di un intero paese o di una comunità in senso lato».

Quando, per la prima volta, ha preso coscienza dell'esistenza dell'opinione pubblica?

«Forse da sempre. O, perlomeno, da quando ho capito che qualcuno per convalidare le sue idee e, soprattutto, per raggiungere i suoi obiettivi, faceva largo uso di affermazioni quali “la gente dice.......il Paese vuole....gli italiani ci chiedono.....l'opinione pubblica si interroga ...etc” . E, tanto per citare un esempio concreto, nella comunicazione politica il malvezzo di fare riferimento alla opinione pubblica rappresenta la più diffusa forma di disonestà intellettuale.

Si parla di un fenomeno e si fa continuo riferimento allo stesso, senza avere la minima conoscenza del fenomeno stesso, della sua struttura e dei meccanismi evolutivi che presiedono al suo manifestarsi».

Il suo approccio al tema in questione è frutto di studio oppure è dettato dall'istinto e dall'esperienza personale?

«Senza dubbio da un istintivo interesse personale che mi ha spinto a studiare il fenomeno e a tentare di capire le sue componenti e le sue dinamiche, anche attraverso la pluriennale esperienza didattica di “Scienze dell'Opinione” A proposito di studio, sono il fortunato possessore di un volume del 1943. E' in lingua francese: “Theorie des opinions” di Jean Stoetzel, uno dei massimi studiosi del fenomeno dell'opinione pubblica. Il mio maestro Francesco Fattorello si è confrontato con lui condividendone appieno la sua impostazione teorica. Personalmente ho trovato in questo autore molte risposte che cercavo e ritengo fondamentale per tutti gli studiosi e per gli addetti ai lavori, la conoscenza della sua impostazione scientifica. Il suo approccio prettamente sociologico ci aiuta a capire l'individuo all''interno dei gruppi sociali e la sua acculturazione, che ha generato le sue attitudini sociali, ci spiega come possa nascere un'opinione condivisa e quindi una pubblica opinione».

Che metodi usa per rilevare la pubblica opinione.

«Il metodo più comune è quello delle ben note indagini demoscopiche che presentano accanto alla loro breve validità temporale, un limite ben più grave e, tuttavia, costantemente ignorato, e cioè il non tener conto dei diversi contesti in cui si effettuano le rilevazioni. L'unica garanzia offerta è quella dell'attendibilità del campione, in quanto qualitativamente e quantitativamente rappresentativo dell' universo da indagare. Non si può pensare che un ragazzo possa fornire la stessa risposta ad esempio sull'argomento sesso, se interrogato fuori della scuola, nel gruppo ristretto degli amici maschi, in aula con il prof presente, o magari in famiglia. E, invece, tutti i guru televisivi dei sondaggi quando va bene ci indicano l'ampiezza del campione e la sua distribuzione territoriale (nord, centro, sud e isole maggiori) o la sua dichiarata(!!??) appartenenza politica (centro, centrosinistra, centrodestra). E allora non posso, sommessamente, non ricordare a questi grandi esperti che non basta essere laureati in Scienze statistiche (quando lo sono) per poter conoscere e rappresentare correttamente un fenomeno di tale complessità.

Personalmente applico un metodo molto diretto , semplice ed efficace, per farmi un'idea dell'aria che tira e, quindi, capire qual'è l'opinione condivisa dai più su un determinato problema contingente. Si tratta di ascoltare le persone nei contesti più diversi ( la fila alla cassa del supermercato, il viaggio in treno Roma-Milano, la sala d'attesa dello studio medico, le ore sotto l'ombrellone, lo spostamento in taxi, la serata conviviale....) non dimenticando, ovviamente, l'importanza dei diversi contesti».

Il suo metodo personale per creare un'opinione pubblica a lei favorevole: in che cosa consiste e di quali strumenti si avvale.

«Il mio metodo consiste nell'essere credibile perchè io credo in quel che dico e faccio, enfatizzando di volta in volta gli aspetti della mia personalità che possono essere di maggior interesse per chi mi ascolta. Ricordate il Presidente Pertini? “anch'io ho fatto la resistenza.... anch'io ho fatto il muratore.....anch'io anch'io sono stato in galera....e, incredibile ma vero, anch'io sono stato bambino !!! detto agli scolari in visita al Quirinale! Il mio metodo è un segreto di Pulcinella tuttavia ignorato dai più: per creare un'opinione pubblica a me favorevole non è importante ciò che per me è importante , ma è di fondamentale importanza ciò che è importante per i miei interlocutori. La posta in palio è altissima: si vince o si perde, si vende o non si vende e allora si lavora o non si lavora, si seduce o non si seduce etc etc...

Quando saranno passati un po' d'anni e gli storici indagheranno a bocce ferme e con occhio sociologico il ventennio politico attuale, sarà chiaro comprendere il perchè dei successi o degli insuccessi dei vari schieramenti. Ho dimenticato di dire che la mamma della credibilità è la coerenza, mentre la figlia è l'affidabilità, qualità ormai sempre più rara e per questo sempre più apprezzata».

Trova differenza tra la formazione dell'opinione pubblica in Italia e all'estero?

«Penso proprio di sì: ma farei in primis una differenza sostanziale tra la vecchia Europa e la giovanissima America e poi tra i Paesi del nord Europa e quelli mediterranei.

Negli Stati Uniti, ad esempio, non è un problema dichiarare la propria appartenenza politica. In Italia rispondere ad un sondaggio sia pure in forma anonima, di votare in un certo modo, non ci offre nessuna garanzia che poi il voto reale sia coerente con quanto dichiarato. E questo perchè? Perchè siamo persone ancora con un minimo di autonomia di scelta e non vorremmo essere incasellati in nessun modo. Non tutti e non sempre ci si riesce ma quando è possibile ci piace pensare di poterlo fare! E allora proverò il piacere di una decisione autonoma e sarà una gratificante trasgressione il “fare di testa mia” Per questo non dovremmo dimenticare mai la storia dei “ pifferi di montagna” e non vendere mai a qualche credulone come oro colato indagini frettolose e superficiali senza la minima credibiltà scientifica. E poi quel che funziona negli Stati Uniti non è detto che funzioni anche da noi».

Influenza di più il giornale, la televisione, la radio, internet o le relazioni e le amicizie con il passaparola?

«Qualche anno fa' all'Università di Urbino proposi una Tesi di laurea dal titolo “Il modello turistico riminese: un fenomeno sociale tra dimensione umana e comunicazione” Si trattò di un'analisi approfondita e documentata alla ricerca degli ingredienti principali del successo della Riviera romagnola. I risultati? Nel capitolo conclusivo che affronta “Gli strumenti di promozione” si legge testualmente: “Se la televisione rende “popular” i luoghi dai quali trasmette, quello che fa scegliere, decidere, prenotare è, però, il “passaparola”!!!

E allora “ permettetemi di dubitare del presunto potere, più o meno occulto, dei mezzi di informazione di condizionare il pubblico. Basti pensare alla fine ingloriosa di regimi e dittatori che disponevano, in assoluto, di tutti i mezzi d'informazione.

Basti pensare alla perfetta organizzazione mediatica di cui dispone la Chiesa: i suoi messaggi trovano una risonanza ed una visibilità non comune su tutti i mezzi d'informazione.

Da duemila anni la Sala stampa vaticana emette lo stesso comunicato, puntualmente ripreso dai media di tutto il mondo: “Amatevi l'un l'altro, non fate la guerra” ma quel che, invece, accade nel mondo è, purtroppo, di triste attualità.

I mezzi di informazione certamente agiscono sulle opinioni (siamo tutti contro la guerra!) ma non sono in grado di condizionare i comportamenti degli uomini: sono altri i motivi, alcuni noti altri meno, che stanno alla base delle nostre azioni” ».

(Il virgolettato è ripreso dal saggio OPINIONI SULL'OPINIONE, di Giuseppe Ragnetti, ed. Quattroventi, Urbino 2006, pag.138)

Nei Paesi democratici il governo influenza l'opinione pubblica?

«I governi, anche democratici, attraverso l'intero sistema dell'informazione e della comunicazione, tendono sempre ad influenzare l'opinione pubblica, ma non è detto che ci riescano. E spesso i risultati non sono quelli attesi! A costo di ripetermi debbo ribadire la complessità del fenomeno “opinione pubblica” fatto di mille sfaccettature perchè di mille sfaccettature è fatta la mente umana. Non sempre risulta facile comprenderne i meccanismi ed influenzarli, così come illustri personaggi di scuola americana vorrebbero far credere.

Basterà leggere l'ultimo “manuale del perfetto persuasore” e voilà nessuno potrà resisterti e l'opinione individuale prima e collettiva poi, ti seguiranno tranquillamente, felici di poterti dire: “Son come tu mi vuoi!”..... Ipse dixit!».

Professore, grazie.

 


 

< Precedente   Prossimo >