Anno 52 N129
Venezia. 21 agosto 2014
logo image
21/08/2014
SOSTEGNO REGIONALE ALLA STAGIONE DI PROSA DEL TEATRO TULLIO SERAFIN

 

L’amministrazione comunale di Carazere, in provincia di Venezia, in collaborazione con il circuito teatrale regionale ARTEVEN, ha organizzato anche per il 2014 una importante stagione di prosa, ospitata nel Teatro Comunale “Tullio Serafin”, inglobato all'interno di Palazzo Danielato, ora centro civico e biblioteca, nel centro storico della città. Il cartellone prevede la partecipazione di grandi nomi del teatro italiano e alcune delle eccellenze artistiche del territorio, in equilibrio e alternanza tra titoli classici, commedie brillanti e drammaturgia contemporanea. Anche quest’anno è stata posta una particolare attenzione al pubblico delle famiglie e dei bambini proponendo due spettacoli teatrali rappresentati il sabato pomeriggio. Per i bimbi più piccoli la proposta culturale si svolge all’interno delle scuole materne mentre per i bambini delle scuola primaria continua la positiva esperienza dei laboratori didattici. Un progetto particolare è stato destinato ai ragazzi delle superiori legato alla Giornata della Memoria, con Marta Cuscunà che ha rappresentato lo spettacolo “E’ bello vivere liberi”. La promozione dell’attività per i più giovani è diffusa, anche attraverso il web ed i maggiori social networks.

Per la realizzazione del programma, la Regione interverrà con un contributo di 7.500 euro, che saranno erogati dopo la firma di uno specifico accordo di programma tra le due amministrazioni pubbliche. “L’iniziativa del Comune di Cavarzere – ha ricordato il proposito il vicepresidente della giunta veneta e assessore regionale alla cultura Marino Zorzato – rientra infatti nel più vasto progetto coordinato e concordato tra Regione e territorio, per il quale abbiamo messo a disposizione complessivamente 410.500 euro, dei quali 42.500 per iniziative nella provincia di Venezia. L’obiettivo di questa sinergia, attuata attraverso appunto la sottoscrizione di accordi di programma, rappresenta una opportunità strategica per potenziare gli effetti della spesa e migliorare la programmazione in un quadro di riferimento comune tra soggetti diversi interessati alla valorizzazione e gestione delle attività di spettacolo anche in un’ottica di marketing territoriale. Il programma che scaturisce da questa serie di Accordi – conclude Zorzato – risulta particolarmente innovativo e culturalmente ricco, finalizzato a fare sistema, superando i particolarismi e ottimizzando le risorse economiche e umane con l’obiettivo finale di consolidare la vocazione culturale, teatrale, coreutica e musicale del nostro Veneto”.