Anno 52 N96
Venezia, 4 giugno 2014
logo image
04/06/2014
PRESENTAZIONE DI ART BIKE WEEK END

 

Ieri martedì 3 giugno 2014 a Ca’ Corner, sede della Provincia di Venezia, la presidente Francesca Zaccariotto e l’assessore provinciale al Turismo Giorgia Andreuzza hanno presentato l’evento “Art Bike Week End”, previsto nei giorni 13-14 e 15 giugno, organizzato dall’Associazione sportiva dilettantistica Unione ciclisti Basso Piave, con il sostegno della Regione del Veneto e della Provincia di Venezia, nelle città di San Donà di Piave,  Jesolo, Eraclea, Caorle, Musile di Piave, Torre di Mosto, Fossalta di Piave e Noventa di Piave, e in collaborazione con la Federazione ciclistica italiana, Vivalabici, Consorzio di promozione Jesolo Eraclea, Consorzio di Bonifica Veneto orientale, Confcommercio San Donà-Jesolo e Protezione civile.

 

Sono intervenuti alla conferenza il presidente UC Basso Piave Mauro Costantin,  il consigliere e ideatore Moreno Argentin, già campione iridato, e i consiglieri del direttivo dell’associazione; l’assessore regionale all’identità veneta e Protezione civile Daniele Stival, gli assessori comunali al Turismo di Jesolo Daniela Donadello e allo Sport di Musile di Piave Stefano Vinale. Erano presenti, tra gli altri, anche il presidente di APT Enrico Miotto e il direttore Tullio Galfrè, il comandante della stazione dei Carabinieri di San Donà di Piave Vincenzo Cerrato, i consiglieri regionali FCI Rudi Mosole e Italo Bevilacqua, per la Polizia locale di Musile di Piave Deborah Botter, in rappresentanza del Corpo dei Carabinieri il luogotenente della stazione di San Donà di Piave Vincenzo Ferrato, un delegato dell’agenzia “Quanto basta”. Ha moderato l’incontro Moreno Martin.

Dopo il successo dello scorso anno, le due “storiche” manifestazioni che l’UC Basso Piave tradizionalmente organizzava, il “Giro dei Tre Ponti” e la “Notturna”, sono state riviste ed inserite all’interno di un unico evento di tre giorni, dedicato a vari temi sportivi, sociali, culturali per rendere più sensibile la comunità locale a nuove forme di aggregazione legate allo sport veicolo di valori importanti per la persona, con la finalità di ampliare ad un pubblico nazionale e internazionale la notorietà della gara.

 

“Art-Bike Week-end” ambisce dunque a diventare una grande fiera della mobilità con manifestazioni ed eventi che attraggano un turismo sostenibile, proponendo la bicicletta come strumento di comunicazione sociale e mezzo di trasporto adatto a tutti i cittadini. Tra gli obiettivi, avvicinare allo sport, vivere meglio la città, promuovere il turismo avvicinando all’arte e alla natura.

 

La presidente della Provincia di Venezia Francesca Zaccariotto nel suo intervento ha dichiarato: «Siamo la prima provincia in Italia per presenze turistiche, con 33 milioni di presenze. Con il cicloturismo, in crescita a livello europeo e in coerenza con il nostro progetto 202020, a favore di una mobilità più sostenibile per migliorare in modo significativo la qualità ambientale, abbiamo stretto partnership preziose fra pubblico e privato; l’obiettivo è l’incremento di un turismo sportivo ed enogastronomico che viene alla scoperta del territorio veneziano e delle sue bellezze, ancora poco note, andando dunque oltre le già consolidate realtà come Venezia, le spiagge del litorale e le città d’arte. Per sviluppare  l’utilizzo della bicicletta bisogna lavorare su più fronti, la viabilità, l’educazione dei più piccoli, la sicurezza, la promozione dello sport a tutti i livelli. Rivolgo dunque il più caloroso in bocca a questa splendida iniziativa, a tutti i partecipanti e gli atleti, all’associazione Unione Ciclistica Basso Piave, agli organizzatori e ai tanti, generosi volontari che la rendono possibile».

 

Nella sua relazione l’assessore al Turismo Giorgia Andreuzza ha sostenuto: «Ci siamo impegnati a valorizzare sotto il profilo turistico l'intero territorio veneziano, promuovendo  il cicloturismo, la mobilità sostenibile, quale modello alternativo a favore di una fruizione lenta del paesaggio. Questo tipo di turismo interessa in particolare i turisti del nord Europa, solo i visitatori tedeschi in bici sono 7 milioni all’anno. Tra le numerose iniziative realizzate dalla Provincia in questi anni, ricordo i numerosi workshop formativi, i percorsi fluviali e le ciclovie, all’interno di progetti di rilevanza internazionale, e illustrati in guide di elevata qualità: l'itinerario Giralivenza e la Ciclovia dell’amicizia da Monaco di Baviera a Venezia. Da aggiungere poi la nostra partecipazione ai progetti europei come Interbike e la rete ciclistica Adriabike oltre ai progetti innovativo come l’applicazione per un assistente virtuale da consultare per indicazione su itinerari personalizzati. Da un evento come quello come quello che presentiamo oggi, è possibile un salto di qualità per una nuova promozione del territorio provinciale».

 

L’assessore regionale all’identità veneta e Protezione civile Daniele Stival: «Tra gli obiettivi di questo progetto, che abbiamo condiviso, c’è anche quello di essere pronti alle nuove esigenze del mercato turistico che oggi è più variegato ed esigente; è essenziale offrire una proposta varia, interessante, che valorizzi l’entroterra, la cultura, la storia e le tradizioni anche gastronomiche del nostro territorio. Una manifestazione come questa va in questa direzione e per questo la sosteniamo. Se istituzioni, privati e associazioni lavorano insieme per gli stessi obiettivi i risultati sono positivi, in una regione che è la prima a livello nazionale».

 

Il presidente UC Basso Piave Mauro Costantin «L’associazione sportiva dilettantistica ASD, denominata UC Basso Piave, fondata nel lontano 1927 con sede nel Comune di San Donà, è nata  dalla grande passione di un gruppo di amici per le due ruote, è impegnata da oltre 50 anni nell’organizzazione di corse per ciclisti dilettanti nel Veneto orientale. Da due anni, grazie a nuovi associati e a un rinnovato consiglio direttivo, oltre a organizzare le classiche corse ciclistiche, ha sviluppato una serie di attività collaterali, coinvolgendo aspetti legati alla cultura, al sociale, alla promozione turistica, all’enogastronomia.  Il nostro impegno è stato quello di coinvolgere i comuni in questo progetto. Colgo l’occasione per ringraziare tutti coloro che a vario titolo stanno collaborando alla riuscita di questa iniziativa, Moreno Argentin, gli sponsor e i numerosi volontari per la loro disponibilità»

 

Nell’illustrare il programma dei tre giorni Moreno Argentin: «Vogliamo dimostrare che il territorio si presta a questi eventi, che possono crescere a livello internazionale ed essere utili a comunicare le nostre bellezze e a sviluppare ulteriormente l’economia turistica, risorsa fondamentale del territorio per i nostri albergatori e imprese. Uno dei nostri sogni, fra i tanti, è passare dalla categoria dilettanti a quella professionisti».

 

L’assessore di Jesolo Daniela Donadello: «Abbiamo aderito da subito, perché oggi il  cicloturismo è una parte importante del turismo e la Provincia ha fatto negli anni un buon lavoro, ha creato un patrimonio di azioni ed esperienze, che superano i campanili creando sinergie e facendo squadra, da non perdere ma valorizzare».

 

L’assessore di Musile di Piave Stefano Vinale: «Anche noi ci abbiamo creduto, Musile c’è ed è con voi».

 

Il consigliere regionali FCI Rudi Mosole: «E’ un progetto lungimirante e proiettato in avanti che abbina ciclismo, cultura, sociale, territorio, turismo con tante iniziative ed alcune dedicate anche i giovani, che rappresentano il nostro futuro e su cui bisogna fortemente puntare».

 

 

Numerosi gli appuntamenti in programma:

 

Venerdì 13 giugno - ore 21.00

54° Circuito Notturno -4°memoriale F. Cestaro, - 1° memorial Luciano Tonon

In questa “classica” di San Donà, i ciclisti saranno impegnati lungo un circuito completamente cittadino di 2,50 chilometri e che dovrà essere affrontato 38 volte per un totale di 95,00 chilometri, che si snoda nel centro cittadino con partenza ed arrivo dalla “nuova” Piazza Indipendenza.

 

ArtBike&Food

Rassegna culinaria e artistica: a sei telai di bicicletta elaborati e interpretati da giovani artisti dell’ Accademia delle Belle Arti di Venezia, sei ristoranti si ispireranno per creare un piatti di alta cucina.

 

Sabato 14 giugno - ore 14.00

Al Parco Fluviale di San Donà di Piave l’evento “BiciPaint”, prova di abilità, sport e festa per tutte le famiglie, in uno spazio appositamente dedicato, in sicurezza e immerso nel verde, per valorizzare il movimento e il gioco dei giovani ciclisti e ammirare le loro creazioni ginnico artistiche.

 

Concorso grafico –pittorico: in bici per la città

Con il coinvolgimento degli istituti scolastici chiederemo ai più piccoli di realizzare disegni sul mondo della bici che saranno consegnati il 7 giugno. Potranno anche allestire in modo bizzarro la loro bici. I disegni saranno esposti venerdì 13 giugno nell’atrio del Caffè letterario di piazza Indipendenza.

 

Sabato 14 giugno –ore 17.00

L’ArtBike Week-end è orgogliosa di ospitare gli atleti della Federazione Italiana Ciliclismo Paralimpico per una gara Hand Bike dall’alto contenuto agonistico, con partenza da Piazza Indipendenza; una competizione in cui atleti di caratura nazionale si daranno battaglia per la conquista del 2° trofeo HandBike di San Donà di Piave.

 

Sabato 14 giugno –ore 20.00

Presentazione ufficiale a Jesolo in piazza Aurora delle squadre partecipanti alla competizione del giorno dopo al 63° Giro dei Tre Ponti e della Grande Bonifica.

 

Domenica 15 giugno - ore 9:00

Un giro cicloturistico immersi nel paesaggio della grande bonifica,da San Donà a Eraclea. Evento organizzato in collaborazione con UC Basso Piave, Fiab San Donà di Piave Viva la bici.

Esplorare l’ambiente in bicicletta consente di fare del sano movimento, di stare in compagnia e di socializzare. Si scoprono lentamente le peculiarità paesaggistiche, storico/artistiche e paesaggistiche del territorio. Si scopre inoltre che fare del turismo in bicicletta è un’esperienza piacevole, accessibile e gratificante.

 

Domenica 15 giugno - ore 14:00

63° Giro dei tre ponti  e della Grande Bonifica

La gara ciclistica quest’anno partirà dalla Città di Jesolo e si articolerà lungo un tracciato che misura 161 km, con i corridori che affronteranno un percorso con ben 10 sterrati.

Il percorso si snoderà principalmente nei Comuni di Jesolo, San Donà di Piave ed Eraclea, andando alla ricerca di stradine, anche di campagna, poco trafficate con una costante variazione di carreggiate strette e larghe. Si arriverà poi nel circuito cittadino di San Donà che misura 5 km da affrontare per cinque volte.

 

 

Per ulteriori informazioni si può consultare il sito: www.ucbassopiave.it