Anno 52 N74
Venezia, 29 aprile 2014
logo image
29/04/2014
VILLE GIARDINI E ROSE SULLA RIVIERA DEL BRENTA

Ieri,  a Villa Goetzen a Dolo,  si è svolta la conferenza stampa per presentare la manifestazione “Ville giardini e rose” che vedrà coinvolta tutta la Riviera del Brenta con 21 eventi tra convegni, premiazioni, visite guidate e attività destinate ad adulti e bambini che vedranno coinvolte ben 12 ville della Riviera. La manifestazione è patrocinata dalla Provincia di Venezia, partner collaborativo con l’Associazione Culturale “Squero Antico”, che ha promosso e organizzato l’evento. Maggio è infatti il mese delle rose, e quest’anno per tutto il mese, dal 1° al 31, nel suggestivo e incantevole territorio della Riviera del Brenta, zona residenziale dei Nobili della Serenissima, inizierà  la manifestazione “Ville, Giardini e Rose” durante la quale si potrà assistere allo sbocciare di una nuova varietà di rosa che diventerà da questo momento in poi il simbolo della Riviera del Brenta.

 

Madrina dell’intera manifestazione è la presidente Francesca Zaccariotto. Presenti alla conferenza stampa l’assessore provinciale alle attività produttive Lucio Gianni,  la presidente  dell’Associazione Culturale “Squero Antico” Stefania Carraro, il direttore dell’Istituto regionale Ville Venete Carlo Canato, Cristian Minchio ristoratore Ascom Riviera del Brenta e Federica Favaro che fa parte dell’organizzazione degli eventi.

 

L’assessore Gianni: «Una manifestazione che dura tutto il mese di maggio. Due anni fa da un convegno scientifico è nata questa brillante idea sulla bellezza delle rose, perché i parchi e le rose antiche erano importanti nella Repubblica di Venezia. Protagoniste saranno anche le meravigliose ville del Brenta, e questi eventi avranno una forte ricaduta sul territorio. Sabato 10 maggio ci sarà con la partecipazione della presidente della Provincia Francesca Zaccariotto la premiazione del concorso organizzato dall’Acrib e Politecnico calzaturiero “La Rosa si fa scarpa”. In pratica, gli studenti del Politecnico hanno lavorato sul tema della rosa creando due modelli originali di calzature da donna».

 

Il direttore dell’istituto Ville Venete Canato: «Abbiamo raccolto con entusiasmo questo progetto, dato che potremmo mettere in mostra le risorse di questo territorio bagnato dal fiume Brenta. Si potranno inoltre assaporare i sapori e i profumi di questa magnifica terra. Più di 15 ville e luoghi potranno essere visitati grazie alla valida sinergia tra istituzioni pubbliche e i privati».

 

Il rappresentante Ascom Minchio: «Portare la nostra presenza all’interno delle manifestazioni per noi è fondamentale. I turisti che frequentano questa realtà del Veneziano rimangono soddisfatti per le bellezze e la qualità dei servizi».

 

 

La presidente  dell’Associazione Culturale “Squero Antico” Stefania Carraro: «Abbiamo collaborato con vivai di grande prestigio per evidenziare la bellezza delle nostre rose. E’ stata creata la nuova rosa con ricchezza di petali e profumatissima. Il momento più significativo resterà il 1° maggio quando Giulio Pantoli, creatore della nuova rosa, presenterà la nuova varietà. Sarà presente anche il francese Francois Joyaux, massimo esperto di rose galliche, fondatore dell’”Association Rosa Gallica” di Parigi che renderà questo momento di importanza nazionale e chiaramente lo proporrà a divenire, negli anni futuri, un appuntamento di settore di livello europeo e mondiale».

 

Federica Favaro dell’organizzazione: «Nel programma non ci sono solo visite guidate ma momenti dedicati ai più piccoli come i racconti, i laboratori creativi e il giardinaggio in modo da coinvolgerli in questo contesto con la natura».

 

L’idea è nata nel 2012 in seguito ad una riflessione tra l’agrotecnico  Stefania Carraro e il sindaco di Dolo Maria Maddalena Gottardo, sull’importanza che le Rose antiche, e profumate, avevano avuto nella Riviera del Brenta durante i tempi della Repubblica Serenissima di Venezia e di come il loro utilizzo sia quasi completamente scomparso. Conseguentemente, entrambe, hanno deciso di promuovere un convegno da realizzare il 1° Maggio dello stesso anno, che servisse a far riscoprire questi fiori; il convegno fu dunque inserito per completare il programma delle manifestazioni che già esistevano a Dolo il 1° Maggio. Il convegno ottenne un successo notevole ed imprevisto che provocò, come conseguenza, una grossa attenzione verso le “rose antiche” su tutta la Riviera del Brenta e innescò, perciò, un loro riutilizzo nei giardini delle ville oltre che nei giardini di attività commerciali e di abitazioni private. Questo nuovo interesse attirò, inevitabilmente, anche l’attenzione dei garden locali e del settore attività produttive e agricoltura della Provincia di Venezia, che tramite l’assessore Lucio Gianni, è diventato partner della seconda edizione dello scorso anno, portando la manifestazione “Giardini e Rose” ad essere l’evento principale del 1° Maggio della Città di Dolo, con il patrocinio della Provincia della Regione Veneto, dell’Unione dei Comuni della Riviera, del Comune di Dolo e di Veneto Agricoltura.