Anno 51 N99
Venezia, 6 giugno 2013
logo image
06/06/2013
UDIENZA GENERALE DA PAPA FRANCESCO

Mercoledì 5 giugno, una delegazione di assessori e consiglieri provinciali hanno partecipato assieme ai lavoratori delle aziende in crisi del territorio provinciale - dei diversi comparti tessile, chimico, metalmeccanico ecc. – tra le altre la Ditec di Quarto d’Altino, la Transuni, la Mazzonetto di San Donà di Piave, la Fitec di Maerne, la Navalmeccanica di Mira, la Vynils di Marghera - all’udienza svoltasi in piazza San Pietro a Roma con il Santo Padre papa Francesco. Assieme ai lavoratori erano presenti il vice presidente della Provincia Mario Dalla Tor, gli assessori al lavoro Paolino D’Anna, alle attività produttive Lucio Gianni, alla viabilità Emanuele Prataviera, la presidente del Consiglio provinciale Marina Balleello,  con i consiglieri Roberto Dal Cin, Diego Cagnato, Beniamino Boscolo Capon e Claudio Bullo.

 Al termine dell’udienza generale, una delegazione di lavoratori assieme al presidente della commissione lavoro consigliere Dal Cin, ha consegnato al patriarca di Venezia Francesco Moraglia alcune richieste affinché le presentasse in udienza privata al Santo Padre.

Il vice presidente Dalla Tor: «E’ stato un grande momento di solidarietà. Oggi le parole del Santo Padre hanno rappresentato per tutti i lavoratori e per noi un momento significativo e importante speranza».

L’assessore Prataviera: «Ho voluto partecipare all’udienza generale per essere vicino ai lavoratori della provincia veneziana. Il dramma del lavoro non è una questione di colore politico, ma riguarda tutti noi, tutti i cittadini. La presenza carismatica, vitale, di Papa Francesco mi ha colpito. Le sue parole, di non essere schiavi del dio denaro, colpiscono nel segno, e mi hanno ricordato i sermoni dei parroci delle nostre campagne».

L’assessore D’Anna: «Oggi è stata sicuramente una giornata molto importante per i lavoratori e le aziende del territorio qui presenti. Mi trovo a Roma per le vertenze di Pansac e Montefibre, e ritengo un fatto significativo che ci sia stata la partecipazione così numerosa della Provincia, con il senatore Dalla Tor, l’on. Prataviera e il collega Gianni in rappresentanza della Giunta Zaccariotto, e del Consiglio provinciale con la presidente Balleello. Speriamo che questo incontro generi speranze concrete sia per la Ditec che per tutte le aziende veneziane».

L’assessore Gianni: «L’uomo prima del capitale e del profitto. Le parole di papa Francesco sono molto importanti e tutti dobbiamo capire questo appello, perché oggi ha parlato dei valori che vengono prima del denaro. L’uomo preminente rispetto al capitale».

La presidente Balleello: «In un momento di difficoltà come quello attuale per le nostre imprese e quindi per le famiglie, non possono mancare le Istituzioni. Non deve mancare soprattutto la nostra solidarietà ai lavoratori, ai familiari e alle imprese nello spirito delle parole del Santo Padre».

Il consigliere Dal Cin: «Il valore umano prima del profitto, ha sottolineato papa Francesco. Un esempio che calza a pennello con la situazione in cui stanno lottando i lavoratori della Ditec dove una multinazionale ha puntato tutto sulla logica del profitto mettendo a rischio il futuro delle famiglie del nostro territorio».

I consiglieri Boscolo Capon e Bullo: «Torniamo a casa stanchi, ma ancora più ricchi interiormente. Abbiamo ascoltato le parole profonde di Papa Francesco, uomo di grande carisma, pratico e chiaro. Ha detto che lo spreco del cibo all’interno delle famiglie è come rubare alla mensa dei poveri. E ci ha colpito, quando ha detto che la morte di un uomo ormai passa inosservata, mentre anche la minima caduta della Borsa fa subito notizia».