Anno 51 N82
Venezia, 14 maggio 2013
logo image
14/05/2013
NELLE LANGHE DEL DOGLIANI IL PELLEGRINAGGIO ARTUSIANO 2013

Il gruppo di 8 giornalisti che nel 2011 omaggiò l’Artusi, andando a piedi da Forlimpopoli a Firenze, dal 15 al 19 maggio affronterà il cammino da Monforte d’Alba a Marmora (CN), nelle valli occitane, per portare solidarietà, libri e vino a un eremita benedettino.


Da Monforte - via Dogliani, Clavesana e Dronero - fino a Marmora, minuscolo comune della Val Maira, sulle Alpi occitane del cuneese. 111 km in quattro giorni, rigorosamente a piedi, per portare solidarietà e un simbolico omaggio (un libro e una bottiglia di Dogliani) a padre Sergio, l’eremita benedettino che in un decennio ha accumulato, catalogato e ordinato lì, da solo, oltre 60mila libri, per creare la nascente “Biblioteca di Marmora”.

Questa la nuova impresa, prevista dal 15 al 19 maggio, dei “pellegrini artusiani”, il gruppo informale di giornalisti nato nel 2011, da un’idea di Leonardo Romanelli, per celebrare il 100° anniversario della morte di Pellegrino Artusi: una camminata collettiva da Forlimpopoli, dove il famoso gastronomo era nato, a Firenze, dove morì e fu sepolto.

Il “cammino”, che sempre unisce una finalità simbolica con un approndimento di cultura enogastronomica, è destinato stavolta ad attraversare per intero le Langhe più profonde, quelle del Dolcetto, per inoltrarsi nelle valli occitane, fino all’incontro e al pranzo con l’eremita, tra un bicchiere di Dogliani e un pezzo di bistecca cucinata “ereticamente” da uno chef piemontese, utilizzando un taglio di razza piemontese.

Il tutto in quattro tappe, inframmezzate da soste e cene “artusiane” divulgative:

16/5: Monforte-Clavesana (29,5 km), con cena alla scuola delle Surie

17/5: Clavesana-San Biagio (23,5 km), con cena artusiana al monastero

18/5: Dronero-Morinesio (31 km)

19/5: Morinesio-Marmora-San Michele a Prazzo (27 km), con “bisteccata” a Marmora.

Il pellegrinaggio è patrocinato da Clavesana, la cantina per eccellenza del Dolcetto e del Dogliani docg, che ha inserito l’iniziativa tra le manifestazioni da sostenere per la diffusione della cultura del vino, del paesaggio e dell’enogastronomia tipica delle Langhe.

Il “cammino” è aperto chiunque, per una o più tappe, basta registrarsi con almeno 48 ore di anticipo (0173 790451 o ). Già annunciata la presenza di “pellegrini” occasionali. Il pellegrinaggio sarà raccontato minuto per minuto sul blog “artusiapiedi.wordpress.com” e sui social network corrispondenti