Anno 51 N64
Venezia, 15 aprile 2013
logo image
15/04/2013
SUCCESSO DI PUBBLICO AL SALONE NAUTICO DI VENEZIA

30.000 accessi per il 12 Salone Nautico di Venezia chiusosi oggi dopo sei giorni di manifestazione (5-7 e 12-14 aprile). I positivi riscontri (ottimi in alcuni casi) registrati dalle aziende espositrici in termini di vendite e contatti utili conferma la manifestazione veneziana come una delle principali fiere del settore, la prima per quanto riguarda l'Adriatico e i Saloni di primavera.

Oltre 250 marchi rappresentati, 200 imbarcazioni in mostra con prezzi da 800 euro a 230.000 euro, focus merceologico  sulla nautica fino ai 12 metri con attenzione al service all'accessoristica al turismo e agli sport nautici. E poi, 80mila metri quadri di superficie espositiva lorda, 360 metri di pontili, 6 tensostrutture per un totale di 6.000 metri quadri di area coperta: Il Salone ha ampliato la propria area di influenza registrando la presenza di aziende proveniente da tutta Italia con un'importante rappresentanza di aziende del Meridione.

E' entrata così nel vivo, nel migliore dei modi, la partnership industriale tra le società organizzatrici Expo Venice e PadovaFiere unite in un sodalizio, dal dicembre del 2012, per lo sviluppo degli eventi espositivi nell'asse Venezia-Padova. Curatore dell'evento è Lorenzo Pollicardo. La tredicesima edizione del Salone Nautico di Venezia si terrà dal 4 al 6 e dall'11 al 13 aprile 2014.

 

Successo per le "Giornate della Sicurezza in Mare" realizzate in collaborazione con Vento di Venezia a cui hanno aderito giovani tra i 14 e i 18 anni e neodiportisti. Nel corso delle "Giornate" è stato realizzato un palinsesto di piccoli incontri negli stand istituzionali del Salone (Polizia di Stato, Esercito, Guardia di Finanza, Assonautica) per la sensibilizzazione alle tematiche della diportismo responsabile e delle buone pratiche di navigazione. Momento principale l'incontro di venerdì 12 aprile per il lancio del progetto scolastico "Marinando la Scuola" promosso dagli Assessorati alle Politiche Giovanili e Trasporto e Mobilità del Comune di Venezie e da Vento di Venezia. Di fronte ad un centinaio di ragazzi delle scuole medie superiori di Venezia, gli Assessori promotori del progetto, il Magistrato alle Acque di Venezia, la Capitaneria di Porto, la Polizia Municipale e di Stato, la Guardia Costiera Ausiliaria, la Guardia di Finanza e l'Esercito corpo dei Lagunari hanno esposto alcuni dei capisaldi della navigazione responsabile con una dimostrazione di salvataggio in area mare.

 

Il Salone ha inoltre ospitato, sabato 13 aprile, una tavola rotonda organizzata dalla CNA Nazionale Produzione e moderato dal responsabile nazionale Giancarlo Gamberini. Nel corso dell'incontro, al quale hanno partecipato rappresentanti delle CNA Nautiche di Venezia, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia, è stata avanzata l'ipotesi di un'aggregazione delle aziende operanti nel comparto nautico del Veneto sotto la forma giuridica della "rete d'impresa". Tale rete d'impresa replicherebbe il modello avviato in Friuli Venezia Giulia con l'Adria Blue Refit - Rete d'Impresa dell'Alto Adriatico.

 

Momento particolarmente toccante è stata la consegna dei riconoscimenti alla memori di Gianfranco Pontel, compianto presidente di Assonautica Nazionale scomparso lo scorso agosto.

Nella serata di gala del Salone Nautico di Venezia, tenutasi sabato 6 aprile al Casinò, sono stati consegnati riconoscimenti a VeMarS Venice Maritime School, scuola di eccellenza a livello internazionale per la formazione di ufficiali della marina mercantile, e Giuliano Negrini, pioniere della navigazione turistica in acque interne con la flotta Navi Andes di Mantova. Il premio istituito da Expo Venice, società organizzatrice del Salone Nautico di Venezia, e Assonautica Venezia ha visto riunirsi le più importanti istituzioni operanti nel territorio veneziano (Comune, Provincia, Regione, APV Autorità Portuale di Venezia, VTP Venezia Terminal Passeggeri) e il giornalista Massimo Bernardo in un comitato d'onore per la rosa dei candidati e la scelta finale. I premi sono stati consegnati da Bianca Scarpa, per anni compagna di Pontel, anch'essa membro del Comitato.